L'Istruzione Professionale:

  • Promuove la crescita individuale sulla base delle competenze chiave di cittadinanza: nelle aule, nei laboratori, nelle palestre dell’Einaudi le studentesse e gli studenti apprendono a comunicare; a collaborare e partecipare; ad agire in modo autonomo e responsabile; a risolvere problemi; IMPARANO AD IMPARARE per diventare buoni professionisti e buoni cittadini, in Italia, in Europa, nel mondo.
  • è incentrato su un SAPERE flessibile che si traduce in un SAPER FARE operativo e professionalizzante, in stretto rapporto con le esigenze economiche del TERRITORIO, ma anche con lo sguardo rivolto al MONDO GLOBALIZZATO
  • Con il decreto legislativo n. 62 del 2017 l’Istruzione Professionali è stata profondamente rinnovata per fare in modo che le studentesse e gli studenti che frequentano gli Istituti Professionali vengano formati ad arti, mestieri e professioni strategici per l’economia del Paese e per quel “sapere fare” di qualità che tutto il mondo conosce come “Made in Italy”.

Gli Istituti Professionali sono pensati come SCUOLE TERRITORIALI DELL’INNOVAZIONE, aperte e concepite come LABORATORI DI RICERCA, SPERIMENTAZIONE ed INNOVAZIONE DIDATTICA.

Tutti gli indirizzi di studio degli Istituti Professionali sono strettamente collegati agli sbocchi lavorativi. Questi sbocchi sono indicati dai CODICI ATECO, con cui si classificano i settori economici per realizzare le statistiche sull'andamento del mercato del lavoro e dell’economia del Paese.

Il modello didattico e di apprendimento si basa sul PRINCIPIO DELLA PERSONALIZZAZIONE EDUCATIVA per consentire ad ogni studentessa e ad ogni studente di ricevere una solida preparazione culturale e di rafforzare le proprie competenze, affinché avvenga una facile transizione nel mondo del lavoro e delle professioni, senza rinunciare alla possibilità di proseguire gli studi negli istituti tecnici superiori e nell'università, qualora lo si desideri.

 

DIAMO VALORE AI TALENTI DI OGNUNO!

DIAMO SPAZIO AI TALENTI DI OGNUNO!

DIAMO FORMA AI TALENTI DI OGNUNO!

 

Il diplomato dell’indirizzo dei “Servizi per la sanità e l’assistenza sociale” possiede specifiche competenze utili a co-progettare, organizzare ed attuare, con diversi livelli di autonomia e responsabilità, interventi atti a rispondere alle esigenze sociali e sanitarie di singoli, gruppi e comunità, finalizzati alla socializzazione, all'integrazione, alla promozione del benessere bio-psicosociale, dell’assistenza e della salute in tutti gli ambiti in cui essi si attuino e/o siano richiesti. Realizza attività di supporto sociale e assistenziale per rispondere ai bisogni delle persone in ogni fase della vita, accompagnandole e coadiuvandole nell'attuazione del progetto personalizzato, coinvolgendo sia l’utente che le reti informali e territoriali.

 

L’indirizzo di studi fa riferimento alle seguenti attività, contraddistinte dai codici ATECO adottati dall'Istituto nazionale di statistica per le rilevazioni statistiche nazionali di carattere economico e esplicitati a livello di Sezione e correlate Divisioni:

Q - SANITÀ E ASSISTENZA SOCIALE

Q - 86 ASSISTENZA SANITARIA

Q - 87 SERVIZI DI ASSISTENZA SOCIALE RESIDENZIALE

Q - 88 ASSISTENZA SOCIALE NON RESIDENZIALE

CORRELAZIONE AI SETTORI ECONOMICO-PROFESSIONALI

 

Il Profilo in uscita dell’indirizzo di studi viene correlato ai seguenti settori economico-professionali indicati nel decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca, del 30 giugno 2015, pubblicato nella Gazzetta ufficia-le del 20 luglio 2015, n.166:

SERVIZI SOCIO-SANITARI

  • SBOCCHI PROFESSIONALI E PERCORSI DI STUDIO:
  • inserimento nel mercato del lavoro tramite la frequenza del corso per l’acquisizione della qualifica di Operatore Socio Sanitario (OSS)
  • istruzione tecnica superiore (I.F.T.S.e I.T.S.)
  • istruzione universitaria (accesso a tutti i corsi di laurea)
  • accesso a posti di lavoro nella pubblica amministrazione tramite selezioni e concorsi
  • auto imprenditorialità nel settore dell’aiuto alla persona (asili nido, disabili, anziani,accoglienza stranieri).

 

L’offerta formativa del corso è arricchita da numerose attività di progetto che permettono agli studenti di sperimentare il loro rapporto con il Terzo settore. Dal secondo anno sono previsti tirocini nell'area infanzia; dal terzo anno progetti di alternanza scuola-lavoro nell'area anziani, disabili e nell'associazionismo cooperativo. Progetti di teatro, attività espressivo – motoria anche in rete con altri Istituti, tendono ad incrementare l’esperienza dei ragazzi, rendendoli capaci di affrontare la realtà lavorativa, con un adeguato bagaglio di competenze negli ambiti di intervento previsti dal loro curriculum.

 

QUADRO ORARIO SETTIMANALE

BIENNIO - Area generale comune a tutti gli indirizzi

ASSI CULTURALI

MONTE ORE BIENNIO

INSEGNAMENTI

MONTE ORE DI RIFERIMENTO

Asse dei linguaggi

462 ore

Italiano Inglese

264 / 198

Asse matematico

264 ore

Matematica

264

Asse storico sociale

264 ore

Storia, Geografia, Diritto e economia

132 / 132

Scienze motorie

132 ore

Scienze motorie

132

RC o attività alternative

66 ore

RC o attività alternative

66

Totale ore Area generale

1.188 ore

 

1188

 

Area di indirizzo

Asse dei linguaggi

924 ore

 

Seconda lingua straniera

132 / 165

TIC

132 / 165

Asse scientifico, tecnologico e professionale

 

Scienze integrate

132 / 165

Metodologie operative

198 / 297

Scienze umane e sociali

165 / 231

di cui in codocenza */ compresenza: 396 ore

Totale Area di Indirizzo

924 ore

 

924

TOTALE BIENNIO

2.112 ore

 

 

Di cui: Personalizzazione degli apprendimenti 264 ore

 

TRIENNIO (TERZO, QUARTO E QUINTO ANNO)

 Area generale comune a tutti gli indirizzi (462 ore annuali, corrispondenti a 14 ore settimanali)

ASSI CULTURALI

INSEGNAMENTI

MONTE ORE 3 ANNO

MONTE ORE 4 ANNO

MONTE ORE 5 ANNO

 

Asse dei linguaggi

 

Lingua Italiana

132

132

132

Lingua inglese

66

66

66

Asse storico-sociale

Storia

56

66

66

Asse matematico

Matematica

99

99

99

Scienze motorie

66

66

66

IRC o attività alternative

33

33

33

 

Totale ore Area generale

462

462

462

 

AREA 01 INDIRIZZO (594 ore annuali corrispondenti a 18 ore settimanali)

** Gli insegnamenti con soglia minima pari a zero sono da considerare alternativi sulla base dei differenti percorsi in uscita definiti dalle scuole ai sensi dell’art. 3 comma 5, a seguito delle specifiche caratterizzazioni, in relazione alle macro aree di attività che identificano la filiera e alle figure professionali di riferimento.