1- Prot.-n.-1143-del-17-maggio-2018 - “L’autonomia  scolastica  quale  fondamento  per  il  successo  formativo  di  ognuno” 

           Consulta il documento

       2- Nota MIUR “L’autonomia  scolastica  quale  fondamento  per  il  successo  formativo  di  ognuno” 

           Consulta il documento

       3- Nota MIUR - Istituzione di un gruppo di studio per valorizzare gli ambiti della ricerca e della sperimentazione propri dell'autonomia scolastica

          Consulta il documento

        4- “L’autonomia  scolastica  quale  fondamento  per  il  successo  formativo  di  ognuno”  - Documento di lavoro

            Consulta il documento

 

Il nostro Istituto da anni si distingue nella realtà ferrarese per capacità di accoglienza ed integrazione dei B.E.S. (Bisogni Educativi Speciali).

Da noi, infatti, gli  studenti diversamente abili,  gli studenti con D.S.A. e comunque tutti gli alunni in temporanea situazione di  svantaggio socio-economico, linguistico e culturale,  trovano un ambiente accogliente e  stimolante, con personale qualificato in grado di individuare insieme a loro e alle loro famiglie  i più idonei percorsi di apprendimento per soddisfare gli specifici bisogni educativi e formativi.

Tali percorsi sono coordinati dal G.L.I. (Gruppo di Lavoro per l’Inclusione) che elabora il Piano Annuale per l’Inclusività inserito nel P.T.O.F.

 

AREA Bisogni Educativi Speciali:

    Disabilità - Progetti

    D.S.A.

   Alunni Stranieri


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 Disabilità - Progetti

All’Einaudi rivolgiamo da sempre particolare attenzione agli alunni disabili, predisponendo una serie di azioni e di progetti che favoriscano il successo formativo e migliorino la qualità della loro vita scolastica ed  extrascolastica. 

Queste azioni si sviluppano in diversi momenti, ad iniziare dall’attività di accoglienza ed orientamento degli alunni in ingresso, provenienti dalla scuola media di primo grado, per proseguire con iniziative e progetti personalizzati durante l’intero percorso di studi.

Tali  interventi mirano, inoltre, ad accompagnare gli studenti alla completa realizzazione del progetto di vita oltre il termine del percorso scolastico, in vista di un concreto inserimento nel mondo del lavoro o  in strutture a loro idonee.

Gli argomenti verranno introdotti dapprima in modo teorico con riferimenti ad esperienze della vita quotidiana ed infine , attraverso la manipolazione e costruzione del materiale,  verranno messi in pratica gli esperimenti. 

Al termine del percorso, ciascun ragazzo elaborerà materiale grafico-illustrativo e conserverà nel proprio raccoglitore  la ricostruzione in sequenze delle fasi dell’esperimento scientifico.

 Progetto Mi Muovo in Autonomia 

PROGETTO “MI MUOVO-AUTONOMIA”

Si tratta di un percorso mirato a potenziare e rinforzare le competenze legate all’autonomia personale e  sociale.  Siamo infatti  persuasi che il benessere dello studente passi soprattutto attraverso il saper gestire la propria quotidianità ( partendo anche da piccoli gesti di routine)  e il saper fruire dei servizi messi a disposizione dal territorio, allo scopo di sviluppare la capacità di vivere giornalmente in  autonomia,  al fine di conseguire una migliore qualità della vita  e di una maggiore valorizzazione della dignità e dell’identità dello studente.

 

 Progetto Tutor Educatore 

PROGETTO “TUTOR-EDUCATORE”

Il progetto mira a favorire l’integrazione scolastica e sociale dello studente disabile, con particolare riferimento all’acquisizione di autonomie personali e sociali.  Il tutor-educatore corrisponde ad una figura in grado di prendersi cura di una persona quasi coetanea in difficoltà, per aiutarla attraverso la costruzione di rapporti amicali in cui convergono le sue capacità personali ma, soprattutto, la sua disponibilità umana.
Ha, inoltre, la funzione di motivare lo studente disabile e può facilitare il superamento di situazioni difficili collegabili a problemi relazionali ed affettivi.

 

PROGETTO “FIABE ANIMATE - BASKIN”

Abbiamo avuto modo di assistere a scuola  ad una dimostrazione di BASKIN da parte di alcuni ragazzi disabili dello SPAZIO ANFFAS coordinati dall’Associazione SPORT INTEGRATO di Ferrara, già attivo in diversi Istituti del bolognese. L’esperienza è stata più che positiva in quanto questo sport è stato pensato per permettere ai giovani normodotati e disabili di giocare insieme nella stessa squadra.

Ora,  il nostro intento è quello di mettere insieme le due felici esperienze ed implementarle insieme.

Il progetto è quindi  suddiviso nei  due moduli “Fiabe Animate” e “Baskin “.

“Fiabe animate”Finalità del laboratorio è la lettura di fiabe e racconti, adeguati per forma e contenuti agli studenti coinvolti, e la relativa drammatizzazione tramite la realizzazione di burattini, elementi scenografici, cartelloni illustrativi, materiale fotografico e audiovisivo. Verranno utilizzati materiali di recupero e materiali di facile consumo. 

“Baskin”:Il modulo è rivolto ad un gruppo di studenti dell’Istituto  con programmazione ad obiettivi differenziati  e a classi dell’istituto. Coinvolge inoltre degli studenti con D.F.  che attualmente frequentano la classe terza presso Istituti comprensivi del territorio ed un gruppo di utenti ANFFAS.

Il Baskin è un’attività sportiva integrata ispirata alle regole del basket ma con caratteristiche particolari ed innovative che consentono a persone normodotate e con disabilità di giocare nella stessa squadra, valorizzando il contributo di ognuno all’interno del gruppo.

 

Progetto Tirocinio

PROGETTO “TIROCINIO”

(in collaborazione con Università degli Studi di Ferrara)

Lo scopo del progetto è quello di favorire il processo di crescita socio-culturale dello studente disabile. Il tirocinante ha qui un ruolo di supporto e di co-partecipazione nella realizzazione del progetto  individuato per lo studente diversamente abile, svolge funzioni di potenziamento educativo e di affiancamento allo studente in difficoltà  presso la scuola frequentata, partecipa alle attività educative previste dalla programmazione, alle attività didattiche e di laboratorio, alle attività ricreative e sociali,  svolgendo  anche attività di osservazione e di  documentazione.

Il ruolo del tirocinante può inoltre avere un significativo rilievo dal punto di vista della collaborazione nel monitorare gli aspetti evolutivi o involutivi della fase di integrazione, che possono diventare di volta in volta elementi conoscitivi da condividere con l’insegnante di sostegno e con il Consiglio di Classe.

 

Progetto Stage/Alternanza Scuola-Lavoro

PROGETTO “STAGE/ALTERNANZA SCUOLA-LAVORO”

E’prassi consolidata presso il nostro Istituto l’attivazione di diversi percorsi di stages lavorativi presso enti pubblici e/o aziende con l’intento di orientare, di fornire le necessarie competenze  e di creare possibili opportunità lavorative allo studente,  nel rispetto delle sue attitudini personali e professionali.

 

Progetto Integrazione Scolastica in Rete

PROGETTO INTEGRAZIONE SCOLASTICA IN RETE

(in collaborazione con il Centro di Formazione Professionale  “Città del Ragazzo”.)

Il progetto, finanziato dall’Amministrazione Provinciale di Ferrara, vede come destinatario lo studente per il quale gli obiettivi prioritari sono finalizzati allo sviluppo delle autonomie personali e sociali. Le scuole ospitanti, tra le quali il nostro Istituto,   mettono a disposizione i propri spazi e le proprie competenze  così da dare vita  a  laboratori di ceramica, di musica,  di attività in serra, di laboratori di psicomotricità, teatro, disegno creativo..allo scopo di fornire  allo studente gli strumenti necessari per  esprimere appieno le sue capacità.

 

Progetto Transizione

PROGETTO “TRANSIZIONE”

(in collaborazione con il Centro di Formazione Professionale  “Città del Ragazzo”.)

Il progetto “Transizione” ha la finalità generale di programmare e realizzare piani individualizzati di transizione scuola-lavoro rivolti ai nostri studenti che si ritiene possano essere inseriti nel mondo del lavoro. Il progetto si sviluppa partendo dalla centralità del ragazzo e dei suoi bisogni, attorno a cui è costruita una micro-rete di persone e di funzioni (docente di sostegno, assistenti sociali, educatori, imprenditori, ecc…) coinvolte nel percorso di transizione.

 

 

Torna in alto


 

 

 

 

 

D.S.A.

Per quanto riguarda il DSA presso l’Istituto da anni si lavora secondo le normative della Regione Emilia Romagna, quindi seguendo le normative della L 170 (2010) predisponendo PDP e lavorando con i ragazzi utilizzando le misure dispensative e gli strumenti compensativi più adeguati. Nella biblioteca d’Istituto sono presenti diversi audiolibri.  Inoltre è presente in Istituto un referente DSA punto di riferimento per i docenti, gli allievi e le famiglie, in grado di fornire  indicazioni  di  base  su  strumenti  compensativi  e  misure  dispensative  al  fine  di  realizzare un intervento didattico il più possibile adeguato e personalizzato. Il referente inoltre collabora con i Consigli di Classe alla elaborazione di strategie volte al superamento di eventuali problemi nella classe con alunni  con DSA e offre supporto ai colleghi riguardo a specifici materiali didattici e di valutazione.

 

Torna in alto


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

AREA INCLUSIONE ALUNNI STRANIERI

 

Progetto “Italiano L2 per l’inclusione e il successo scolastico degli alunni stranieri”

Docente referente Prof.ssa Bolzani Cecilia

 

  • Accoglienza degli alunni neo arrivati, con il supporto di mediatori e di studenti bilingui già inseriti nella scuola
  • Somministrazione di test di ingresso allo scopo di valutare le competenze linguistiche in entrata e predisporre gli interventi adeguati ai bisogni di ciascuno studente
  • Percorsi didattici personalizzati per gli alunni di recente immigrazione
  • Corso di Italiano L2 presso il C.P.I.A. il lunedì mattina per tutta la durata dell’anno scolastico
  • Laboratori didattici in orario curricolare di Italiano L2, e materie dell'area comune e dell'area di indirizzo
  • Corso di Potenziamento di Italiano per lo studio in collaborazione con il Comune di Ferrara

 

Link al MODELLO del P.S.P. (Piano Studi Personalizzato) per alunni stranieri neo-arrivati

 

Torna in alto